Category Archives: Da 1 a 10

novembre 11

Da 1 a 10, il pagellone della Serie A

  10. Javier Zanetti: E’ l’82esimo minuto: ha il fiatone prima di entrare in campo, entra, da il cinque a Cambiasso ed inizia subito a suonare la carica. E’ il 91esimo, riceve palla, si gira su Schiattarella (classe 1987) e se lo porta dietro per metà campo dando il la al gol di Nagatomo al […]

ottobre 22

Da 1 a 10, il Pagellone della Serie A

10. Giuseppe Rossi: Pradè dice che è al 70%, Montella dice che si rivede molto in lui, la classifica marcatori dice otto partite otto goal. Rio de Janeiro lo aspetta. WHAT ELSE? 9. Hellas Verona FC: Avremmo voluto mettere un ex aequo col voto 10 per Verona e Pepito Rossi. Per fortuna, l’esultanza di Cacciatore […]

ottobre 08

Da 1 a 10, il Pagellone della Serie A

  10. Francesco Totti: “Eh, ma ha sempre giocato alla Roma…”, “E lo sputo a Poulsen allora?”, “Non ha mai avuto concorrenza interna nel suo ruolo…”. Vero. Vero tutto. Poi, però, fai un rapido conto e pensi: uno scudetto vinto con la maglia che ama, una coppa del mondo tra le mani, 285 gol e […]

ottobre 01

Da 1 a 10, il Pagellone della Serie A

10. Rudi Garcia: Nelle prime due o tre partite di campionato, il successore di Luis “a noi la palla a voi i gol” Enrique e di Zdenek “a noi i gol a voi un gol in più di noi” Zeman, Roma sembrava aver ritrovato la normalità. Dopo sei giornate, però, i numeri fanno paura. Coraggioso […]

settembre 17

Da 1 a 10, il Pagellone della Serie A

    10. Fabio Liverani: La scorsa giornata gli avevamo dato un bel 3 in pagella per l’imbarcata casalinga contro la Fiorentina. Ma Sabato, l’allenatore Romano dalla zeppola pronunciata (col quale dovete leggere la restante parte della sua pagella), abbandona lo Sfacciato 4-3-3 e si Schiera con un eSSenZiale 5-3-2, guerriero ed eSperto. Partendo dal […]

settembre 02

Da 1 a 10, il Pagellone della Serie A

10. Ilaria d’Amico: Non poteva aprirsi diversamente questa rubrica. Ilaria nazionale, che ha compiuto quarant’anni in settimana, merita questo voto per tantissimi motivi. Su tutti, il fatto di riuscire a non far cambiare canale ad un telespettatore che vede, nello stesso studio televisivo, l’acidità di Massimo Mauro, la stempiatura di Gianluca di Marzio ed i […]