Lo sapevate che…? Il cartellino rosso.

Fu l’arbitro Ken Aston che introdusse i cartellini nel calcio. L’intuizione avvenne nel 1966…ad un semaforo…

 

cartellino rosso

 

Mondiali 1966, Inghilterra-Argentina. L’arbitro Ken Aston fa segno, con le mani ovviamente, all’argentino Rattin di abbandonare il campo in quanto espulso. Il giocatore sudamericano fece però finta di non capire e ne nacque un siparietto lungo e fastidioso che fece pensare ad Aston che bisognava trovare un modo per far si che episodi del genere non si ripetessero.

L’illuminazione avvenne qualche mese più tardi ad un semaforo: Aston pensò che si poteva segnalare al pubblico il giocatore ammonito con un cartellino giallo e il giocatore espulso con un cartellino rosso.

L’idea dell’arbitro inglese piacque molto alla FIFA che introdusse per la prima volta i cartellini nel Mondiale del 1970 e, solo nel 1973, all’interno del regolamento ufficiale del calcio.

Una particolarità che molti non sanno è che l’arbitro può utilizzare il cartellino rosso non solo in caso di falli violenti nei confronti di un avversario ma anche in caso di violenze tra compagni.

Guardate cose successe qualche anno fa in Inghilterra…

 

Icampionidellosport