Pantani, il Tour resterà tuo

Marco_Pantani

Come si sa ormai da un po’ di tempo a questa parte, a fine Tour de France verranno svelati i nomi dei corridori nel cui sangue è stata trovato l’Epo durante l’edizione della Grande Boucle che si è corsa nel 1998, quella vinta dal Pirata. Questa indagine è stata portata avanti dal Senato della Repubblica francese che appunto aspetterà la fine del Tour per non destabilizzare troppo l’ambiente.

Appena trapelata la notizia, i genitori di Pantani si sono subito preoccupati nel tutelare il nome del figlio. Si sono sentiti in dovere di scrivere una lettera aperta a Uci, Fci e organi di informazione: “Vi diffidiamo dall’intraprendere qualunque azione verso una persona che non può più difendersi. Se fosse positivo come potrebbe chiedere le controanalisi? Difenderemo sempre il suo nome”

La risposta del presidente dell’UCI, Pat McQuaid, non si è fatta attendere ed ha sgombrato il campo da ogni dubbio: “Anche se il nome di Marco dovesse figurare nella lista dei corridori ‘positivi’, il successo di quel Tour non verrà cancellato“. Questo è il messaggio in estrema sintesi che il numero uno dell’Unione Ciclistica Internazionale ha mandato alla famiglia del Pirata.

Si può stare tranquilli, il Tour del ’98 rimarrà per sempre nella mani del Pirata.

Icampionidellosport