Lo sapevate che…? Il punteggio del tennis.

Quanti di voi si saranno chiesti “Ma perché i punti del tennis sono 15, 30, 40?”. Scopriamo perchè!

L’origine del particolare punteggio tennistico “15” – “30” – “40” non è certa al 100% ma si pensa abbia radici francesi. La più plausibile spiegazione è basata sul fatto che agli inizi di questo sport il punteggio veniva calcolato e tenuto grazie alla presenza di un orologio sul campo.

Un movimento di un quarto della lancetta (una per giocatore) veniva fatto dopo ogni punto e il risultato così passava da 15 a 30 a 45 ed un giro completo significava “gioco”. Poi per motivi di giocabilità, è stato introdotto il “vantaggio”, perciò il terzo punto venne spostato in posizione “40”, e non più “45”, che venne assegnato, appunto, al vantaggio.

Un’altra possibile spiegazione, più romantica che razionale, l’ha fornita il famoso cronista sportivo Rino Tommasi, che asserisce che la particolarità di tale tipologia di punteggio fosse dovuta al suono delle parole “15” “30” “40” che in francese suonano come un ritornello.

Un’ultima curiosità dei punteggi tennistici deriva dal fatto che gli inglesi  dicono “love” per indicare il punteggio di zero, ad esempio “fifteen-love” , “thirty-love”.

Questa espressione deriva dal francese “l’oeuf” che vuol dire “uovo”. L’uovo è tondo, la sua forma evoca lo zero e gli inglesi, per distinguersi come sempre dai francesi hanno deciso di usare uno slang simile ma diverso, ovvero… Love!

Emanuele Sica