NBA, Miami annienta Indiana e vola in finale

In gara 7 gli Heat superano i Pacers per 99-76 e conquistano per il terzo anno consecutivo la Eastern Conference. Giovedì al via le Finals contro i San Antonio Spurs.

 

 

 

birdman

 

I Miami Heat sono ancora in Finale. Con la vittoria in gara 7 per 99-76 si aggiudicano per il terzo anno consecutivo il titolo di campioni della Eastern Conference.

Lebron James guida i suoi con 32 punti, aggiungendo 8 rimbalzi e 4 assist. Dwyane Wade, dopo l’apatica prestazione di gara 6, torna sui suoi livelli segnando 21 punti e tirando giù ben 9 rimbalzi. “Per noi quello che è successo nelle prime 6 partite non contava nulla” ha detto Wade nei festeggiamenti del post-partita “Contava stasera. Contava Gara 7. Contava portare a casa la vittoria davanti alla nostra gente.”

I campioni dell’ Est tirano con il 40% dal campo, ma riescono a catturare 15 rimbalzi offensivi ed a limitare le due principali minacce in maglia gialloblù: Hibbert chiude con 18 punti e 8 rimbalzi ma gioca la partita con un costante problema di falli che ne limita i minuti in campo, mentre Paul George sigla solo 7 punti con uno scialbo 2 su 9 dal campo.

Dopo un primo quarto tirato e dal punteggio basso, gli Heat esplodono con un secondo quarto da 33 punti che gli consente di andare sul più 15 all’intervallo. La musica non cambia nel terzo quarto con gli Heat che controllano la partita, prevenendo qualsiasi tipo di rimonta da parte dei Pacers e riuscendo anzi ad incrementare il vantaggio a 21 punti. L’ultimo quarto è una passerella, con James che lascia il campo a 5 minuti dalla fine e va a stringere la mano ad un David Beckham nelle vesti di tifoso d’eccezione.

 

Gli Heat festeggiano la vittoria della Eastern Conference

Gli Heat festeggiano la vittoria della Eastern Conference

 

Con questa vittoria gli Heat approdano in Finale, dove affronteranno gli Spurs di Parker, Ginobili e Duncan. Durante la regular season le squadre si sono affrontate due volte ed in entrambe i casi è stata Miami ad avere la meglio: nella prima partita San Antonio era priva di 4 membri del quintetto titolare, mentre nella seconda Miami ha giocato senza Wade e James. Ma queste sono solo statistiche perchè da giovedì sarà tutta un’altra atmosfera, saranno NBA FINALS.